Consortium Mercatorum

Delle tre società poi unitesi nell’Ordo
Orbis, il Consortium Mercatorum è di sicuro
la più antica e quella senza la quale,
probabilmente, le altre non sarebbero mai
nate. Abituato a maneggiare denaro e a gestire
l’economia da molti secoli, il consorzio gestisce
di fatto tutti i flussi di ricchezza e tutte le rotte
commerciali del mondo; i migliori cartografi e
gli esploratori più famosi -ma non certo,
stando a quanto sostengono altre fazioni, i
migliori navigatori- sono o sono stati in
qualche modo affiliati al Consortium
Mercatorum. Per quanto di antiche tradizioni,
questa enorme gilda mercantile non è di certo
tradizionalista: le maggiori innovazioni dell’età
contemporanea, infatti, sono dovute proprio ai
suoi sforzi e al suo generoso e interessato
finanziamento.


Allineamento: Neutrale

Insegna: un globo terracqueo azzurro
su fondo bianco, attorniato dalla scritta
“Consortium Mercatorum”.

Anno di fondazione: 115 pOe.

Sede principale: città di Vectorian.

Leader attuale: William Fuger,
magister mercatorum maximus.

Struttura di comando: numerosi
magistri mercatorum, soggetti al magister
maximus, dirigono ciascuno la gilda relativa al
commercio di uno dei beni più importanti in
una data zona; ogni regione ha il suo consiglio
di magistri, un gruppo ristretto di individui a
cui è affidata ogni decisione relativa
all’economia di intere nazioni.

Ideologia in breve: il commercio è
l’anima della civiltà, le culture più vivaci si
sono da sempre sviluppate lungo le rotte più
battute dalle navi mercantili. Per prosperare, il
commercio ha bisogno di pace, così come di
qualche occasionale atto di forza; ma, più di
tutto, il commercio ha bisogno di menti sottili
capaci di controllarlo e di massimizzarne i
guadagni. Migliorare l’economia di una
regione è l’unico modo per farla progredire,
anche se talvolta richiede qualche sacrificio.

Rapporti con altre fazioni: per quanto
facciano entrambi parte dell’Ordo Orbis, il
Consortium Mercatorum conserva ancora
alcuni degli antichi, per quanto ben presto
ricuciti, dissapori con la Militia Marum. Un
rapporto di odio-amore lega il consorzio alla
Confraternita delle Coste: i pirati sono sia i
peggiori nemici, sia dei potenziali e impagabili
alleati per i commercianti più intraprendenti.
L’Armata della Libertà è il peggior flagello per
il Consortium Mercatorum, il quale fa di tutto
per avversarla coi suoi potenti mezzi
economici.

Consortium Mercatorum

Avventure nel mare selvaggio ralagra ralagra