I selvaggi guerrieri dei mari

Il barbaro di Pathfinder si presta bene a rendere
diversi stili di combattimento. Il suo utilizzo più
immediato lo vede associato ai feroci guerrieri
skannortiani, ma anche i magiati o i combattenti
selvaggi delle Isole Vergini possono essere
ottimamente resi da questa classe, se adeguatamente
equipaggiati con armi primitive. Un uso meno
immediato del barbaro è quello che lo vede
impiegata per rendere regolisticamente un individuo
civilizzato incline in battaglia a subitanei scatti d’ira, o
che talvolta entra in una particolare trance guerriera.
Combattenti del genere non sono rari nella Dabhati, e
la Militia Marium li vede come potenti armi a doppio
taglio, delle quali servirsi con attenzione.
Un altro genere di guerrieri solo apparentemente rozzi
e inselvatichiti può essere reso con la classe del ranger; i
ranger, tuttavia, oltre che cacciatori e campioni tribali
possono essere anche esploratori, assassini o individui
specializzati nella caccia all’uomo. Quei ranger che
fanno uso di poteri mistici li ottengono tipicamente
dagli spiriti naturali o, talvolta, dalla propria forte
convinzione e fede in un dato principio morale.

I selvaggi guerrieri dei mari

Avventure nel mare selvaggio ralagra ralagra