Oderia meridionale

L’Oderia Meridionale è la colonia che più di
tutte soffre le frequenti razzie e scorribande
dei pirati lungo le proprie coste. Per questo, è
nella sua capitale Exicana che ha sede la
principale guarnigione oderiana della Militia
Marium.
Exicana, sede del governatore
eraniano, era un tempo la capitale di una delle
grandi civiltà che abitavano l’Oderia, civiltà
oggi praticamente scomparse a seguito della
violenta colonizzazione. Secondo alcune
leggende, fu la grande arte magica degli
indigeni a salvare queste terre dalla Grande
Inondazione; quale che sia la verità, dai
brandelli di essa noti agli archeologi, e dalle
imponenti rovine che ancora si incontrano
nell’Oderia Meridionale, appare evidente che
la civiltà di queste popolazioni dovesse essere
in origine molto avanzata.
È probabile che i conquistatori del
Vecchio Mondo l’abbiano colta impreparata a
un’invasione e in fase di declino, altrimenti
non si spiegherebbe la loro rapida vittoria. I
discendenti degli antichi abitanti, spesso
ritornati a un livello di organizzazione tribale e
preistorico, abitano ancora le vaste foreste
dell’interno.
Di loro, i coloni eraniani se ne curano
molto poco, limitandosi a tenerne sotto
controllo le incursioni e a qualche rapida e
avventata spedizione punitiva o di razzia.
L’Oderia Meridionale ha nel corso dei
secoli svolto la funzione di “serbatoio di terre”
per i figli cadetti delle nobili famiglie d’Erania
e per i numerosi nullatenenti del Vecchio
Mondo, fornendo loro un luogo dove
riproporre su piccola scala la struttura feudale
della madrepatria; il numero relativamente
ridotto di schiavi nel meridione consente
anche ai semplici braccianti di vivere con
relativo decoro, cosa che incoraggia
l’immigrazione e la progressiva distruzione
delle foreste vergini più interne.

Oderia meridionale

Avventure nel mare selvaggio ralagra ralagra